Disegnare

Ho ereditato la capacità di disegnare da mio padre Giuliano; lui era un raffinato disegnatore autodidatta e un “pittore popolare”. Grazie a questa capacità ho praticato molto il disegno, dedicandomi quasi esclusivamente alle piante e agli animali, fino a realizzare un vero e proprio archivio composto da centinaia di disegni. Ho affinato la tecnica al tratto, con penna a china e i miei disegni sono dunque, quasi esclusivamente, in bianco e nero. Ritengo che saper disegnare sia molto importante per chi si occupa di Scienze Naturali e di divulgazione e in effetti con le mie modeste opere grafiche ho illustrato decine delle mie pubblicazioni. Disegnare da un piacere sottile e consente di entrare in sintonia piena con il soggetto, di esprimerne l’anima, di conoscerlo in modo approfondito. Proprio come accadeva agli uomini paleolitici che disegnavano o affrescavano splendidi cavalli e bisonti sulle pareti delle grotte spagnole.