L'impegno per la tutela della biodiversità e per la diffusione della cultura naturalistica

Se si crede in qualcosa, coerenza vuole ci si impegni per affermarne i principi. Praticare le Scienze Naturali significa anche impegnarsi per la salvaguardia degli habitat e della Biodiversità e investire il proprio tempo per diffonderne la cultura. Così almeno è per me e buona parte del mio tempo produttivo e creativo è stato investito per conseguire questi obbiettivi. Partecipai alla fondazione dell’Associazione Naturalistica Sandonatese tra il 1973 e il 1974; in precedenza ero stato rappresentante di zona della LIPU, che tuttavia mi sembrava troppo distante dai problemi locali e troppo settoriale nell’ambito delle discipline naturalistiche. Tra il 1989 e il 1991 ho progettato con Corinna Marcolin e realizzato con i Volontari dell’ANS, il Centro Didattico Naturalistico Il Pendolino. Sono state, queste stesse, le grandi imprese della mia vita: quelle che hanno orientato definitivamente la mia esistenza nella direzione che ancora oggi segue e che seguirà fino alla fine.